a

La farmacia si estende per 400 metri quadri e vanta di un locale tra i più moderni ed avanguardisti per struttura ed arredamento espositivo.

0776 610434

antignani.luigi@virgilio.it
Corso Munazio Planco, 301, Atina,03042 FR

Articoli recenti

Lunedi -Sabato 8.30/20

Domenica- CHIUSO

Prenota

P.med oral-care: il rimedio efficace contro afte e stomatiti

P.med oral-care: il rimedio efficace contro afte e stomatiti

La  stomatite aftosa è una affezione piuttosto comune caratterizzata dalla comparsa di formazioni ulcerose benigne e non contagiose (afte) della bocca in soggetti altrimenti sani; circa 1 persona su 5 sviluppa regolarmente una o più afte in bocca.

Il termine origina dal Greco, αφθα (afta) e significa “ulcera della bocca”; conosciute anche come stomatiti, le afte sono piccole piaghe che possono manifestarsi all’interno di
  • bocca,
  • guance,
  • labbra,
  • gola,
  • lingua.

Non sono da confondere con le vesciche da herpes labialis, piaghe provocate dal virus herpes simplex e che generalmente compaiono al di fuori della bocca intorno alle labbra, sulle guance, sul mento o all’interno delle narici. Mentre le vesciche da febbre sono contagiose, le ulcere orali non possono essere trasmesse, quindi baci e scambi di bicchieri non sono rappresentano un veicolo di trasmissione.

È curioso notare che i fumatori soffrono di afte con minore frequenza, forse perché il fumo rende inadatta la mucosa orale all’instaurarsi di infezioni (per un processo di cheratinizzazione), oppure per una qualche azione protettiva svolta dalla nicotina. È piuttosto comune infatti che chi smette di fumare soffra per qualche mese di afte, che scompaiono immediatamente in caso di ripresa del vizio.

Non esiste cura; i trattamenti sono tesi ad alleviare il dolore, ridurre il tempo di guarigione e la frequenza degli episodi.

Cause

La stomatite è un disturbo molto frequente che colpisce in qualche forma circa il 20% della popolazione. Le prime manifestazioni avvengono spesso durante l’infanzia o l’adolescenza, ma la condizione in genere si protrae per diversi anni prima di scomparire gradualmente.

La causa non è del tutto nota, ma sono coinvolte risposte immunitarie mediate dai linfociti T attivati da una molteplicità di fattori.

Individui diversi sperimentano fattori scatenanti differenti, tra cui

  • deficit nutrizionali (per esempio acido folico, vitamina B12 e ferro),
  • traumi locali,
  • stress,
  • alterazioni ormonali (per esempio legate al ciclo mestruale),
  • allergie,
  • predisposizione genetica
  • e molto altro.

Le afte possono più raramente indicare un problema al sistema immunitario, ma la loro presenza non è legata al all’herpes virus.

Lesioni della bocca dovute ad un morso sul labbro interno, oppure ad un lavaggio dei denti eccessivamente vigoroso, vanno a danneggiare la delicata mucosa interna della bocca e pare siano un’ulteriore causa delle ulcere orali. Anche lo stress emotivo sembra essere un fattore in grado di favorirne la comparsa.

Uno studio effettuato su studenti universitari ha dimostrato una maggior incidenza di afte durante periodi di stress, come ad esempio all’avvicinarsi di un esame, rispetto a fasi di maggior tranquillità come la pausa estiva.

Anche se chiunque può manifestarle, i giovani e gli adolescenti ventenni sembrano avere più spesso problemi di stomatiti e le donne hanno il doppio delle probabilità di svilupparle rispetto agli uomini. Alcune di esse manifestano ulcere orali all’inizio del loro periodo mestruale.

Sono più soggetti i pazienti affetti da:

  • morbo celiaco,
  • malattie infiammatorie intestinali (come il morbo di Crohn),
  • malattia di Behcet,
  • malattie autoimmuni,
  • AIDS.

Sintomi

Queste ulcere si manifestano in modo periodico e guariscono completamente tra un attacco e l’altro. Nella maggior parte dei casi le singole ulcere durano circa 7 – 10 giorni, mentre le recidive avvengono 3 – 6 volte l’anno.

La maggioranza si sviluppa sulle superfici epiteliali prive di cheratina della bocca (ossia, dappertutto fuorché base gengivale, palato duro e dorso della lingua), anche se le forme più gravi, meno comuni, possono colpire anche le superfici cheratinizzate.

Le afte appaiono di norma come rosse piaghe dolorose che possono essere estese complessivamente fino a 2,5 centimetri, anche se la maggior parte di esse sono molto più piccole. Talvolta l’area della mucosa inizia a formicolare o si infiamma prima che compaia l’afta vera e propria, l’ulcerazione appare in circa 24 ore.

Le ulcere aperte  possono avere un rivestimento bianco o giallo, oltre ad un “alone” che le circonda. Nella maggior parte dei casi, le ulcere orali si presentano da sole, ma non è raro riscontrarne anche in piccoli gruppi.

I sintomi vanno da un lieve fastidio fino a interferire con l’assunzione di cibo e liquidi. Le forme gravi possono essere debilitanti, cauasndo anche una perdita di peso per la malnutrizione indotta dalle difficoltà ad alimentarsi normalmente..

Trasmissione

Sebbene le afte non siano contagiose, è possibile rilevare un’aumentata predisposizione all’interno di alcuni nuclei familiari; secondo alcuni autori, se si è soggetti ad ulcere orali, eventuali figli avranno a loro volta un’elevata probabilità di svilupparle regolarmente.

Durata

Possono essere necessarie fino a due settimane perché guariscano; durante quest’arco di tempo possono essere dolorose, anche se sono soprattutto i primi 3-4 giorni a causare i fastidi maggiori.

 

Prevenzione

Potrebbe non essere possibile prevenire sempre afte e stomatiti, perchè spesso sono causate da fattori al di là del nostro controllo (e spesso sconosciuti); possiamo tuttavia individuare alcune piccole cautele in grado di ridurre la frequenza di comparsa del disturbo:

  1. evitare alimenti piccanti e irritanti se si sospetta che possa aumentare la possibilità di nuovi episodi,
  2. evitare cibi eccessivamente duri e potenzialmente taglienti (ad esempio patatine e arachidi) per prevenire lo sviluppo di lacerazioni gengivali,
  3. evitare le gomme da masticare.

Cura e rimedi: P.med Oral-Care, una linea formulata per la prevenzione del cavo orale

Un rimedio efficace per combattere le afte e stomatiti sono i due prodotti della linea Pmed oral-care: il Collutorio multiattivo delicato e l’Oral gel protettivo.

Grazie all’azione dell’olio essenziale di Pompìa aiutano a prevenire, proteggere e favorire la riparazione delle mucose.

I prodotti sono disponibili in ESCLUSIVA in tutte le farmacie affiliate alla Rete Farmacie Salute!

Tutti i prodotti P.med sono dermatologicamente testati sulla pelle sensibile e reattiva e non contengono:

  • COLORANTI
  • PARABENI
  • DERIVATI DEL PETROLIO
  • SLS/SLES
  • ALCOOL
  • PEG
  • PPG
  • SILICONI
  • INGREDIENTI DI ORIGINE ANIMALE